Itinerario trekking urbano della costa di Favignana

Spread the love : - >

Favignana Mappa Trekking ItinerarioScoprire Favignana, la storia, i monumenti, la natura, con un itinerario di trekking urbano. 25 chilometri di costa da percorrere metro dopo metro in un susseguirsi di immense bellezze naturali. Ecco sommariamente quello che incontreremo.

Partendo dal porto di Cala Principale dopo aver visitato lo stabilimento gotico-rinascimentale della tonnara, oggi splendido Museo delle Egadi, ed apprezzato il liberty di Palazzo Florio e dopo aver fatto una puntatina a contrada Badia per godere del sapore del tempo delle sculture di A. Campo, in direzione Est, dopo circa 2 Km., si arriva alla zona archeologica di San Nicola che, abitata fin dalla preistoria, presenta segni di una necropoli tardo ellenistica.

Se il percorso è fatto lungo la costa si incontrano gli Scali di San Giuseppe e Madonna e le Cale Graziosa e San Nicola. Proseguendo verso Cala Rossa si attraversa la zona di Scalo Cavallo.

Scalo Cavallo visto dal mareTutto il percorso compreso nell’itinerario è un susseguirsi di cave di tufo che formano un fantascientifico ipogeo di pietra e di scali utilizzati per l’imbarco dell’allora prezioso materiale in direzione della Sicilia e dei paesi Nord Africani. In effetti il tufo ha rappresentato nel recente passato la fonte primaria, assieme alla pesca dell’economia favignanese. La stessa Cala Rossa è un susseguirsi di gallerie scavate a braccia dalla tempra e il sacrificio di un uomo che esprimeva necessariamente forza.

Già nel passato, la cala è stato teatro di una gigantesca battaglia punico-romana tant’è che i fondali che si estendono fino a Punta Marsala in direzione Sud sono ricchi di reperti di immenso valore archeologico.

Lungo la costa si trova la zona del Bue Marino con il suo stupendo mare e le maestose gallerie tufacee. A Ovest di Punta Marsala: Cala Azzurra e quindi Punta Fanfalo. Proseguendo nella stessa direzione Cala Tuono, Grotta Perciata, Lido Burrone, Calamoni, Cala Monaci, Punta Longa sede di un piccolo villaggio di pescatori e di un porticciolo. Siamo a circa 2 Km. dalla parte opposta del Porto di Cala Principale.

L’itinerario da Punta Longa a Punta Sottile, ove ha sede il faro, è un susseguirsi di cale S. Antonio, Rotonda, Grande, di isolotti e scogli, Preveto, Galeotto, Galera, Scoglio dalle Correnti e di mare incontaminato. Da Punta Sottile in direzione Nord, fino a Punta Ferro, la costa diventa più arida e più rocciosa. Verso Punta Faraglione, bella la Cala del Pozzo, ricchissima di pesce e di ricci.

Siamo a ridosso della zona “B” della riserva marina con fondali ricchi di flora e fauna. La zona “B”, superando Punta Faraglione, si estende fino a Grottarola. Nel tratto si trova: Cala Trapanisa, Cala Funeri, Grotta Rimbs, Punta Vallirara, La Praia, Punta Canale e quindi il Porto di Cala Principale.

Tutto il percorso, circa 25 Km., si può fare in vari modi e in tempi diversi: a piedi, in bici, in motorino, a cavallo, anche in auto o in barca con qualche eccezione. Necessariamente a piedi o in barca, da Punta Faraglione a Grottarola.

Due itinerari che vanno verso l’interno dell’isola sono il Castello di Santa Caterina e la Croce in cima a Punta Grosso.

Case Vacanza, B & B, Residence, Camping, Boungalow, Chalet, Appartamenti, Hotel… insomma tutte le strutture ricettive al miglior prezzo certificate da Booking !

I commenti sono chiusi