Video: avvistati tre capodogli nel mare delle Egadi

Spread the love : - >

In occasione del 4° anno dall’avvistamento di 3 esemplari di capodogli avvistati tra Marettimo e Favignana si pubblica lo straordinario resoconto di chi li ha avvistati e documentati !

Capodogli EgadiISOLE EGADI, 18 AGOSTO 2013

Nel pomeriggio di ieri, (17 agosto n.d.r.) , sono stati avvistati tre grossi cetacei nelle acque tra Marettimo e Favignana (arcipelago delle Isole Egadi).

Un’imbarcazione di passaggio, notando la presenza di questi grandi cetacei, ha prontamente avvisato la Capitaneria di Porto di Trapani che ha diffuso un avviso ai naviganti per segnalarne la presenza.

La C.P. di Trapani ha successivamente inoltrato la notizia agli organi preposti, quali l’Area Marina Protetta delle Isole Egadi e l’Istituto Zooprofilattico, ed alle agenzie di stampa.

In seguito è stato effettuata la determinazione della specie tramite l’utilizzo del materiale foto/video disponibile.

In particolare i tre esemplari, di cui due di circa 12 m ed uno di circa 7 m, sono stati riconosciuti come Capodogli (Physeter macrocephalus, Linneo 1758) osservando il loro profilo emerso. Caratteristici dei Capodogli sono, infatti, la presenza di una gobba nella parte dorsale-terminale e il getto obliquo in uscita dallo sfiatatoio rivolto in direzione anteriore.

Profilo anteriore di un esemplare di Capodoglio avvistato ieri tra Marettimo e Favignana (foto di Filippo D’Angelo).

Il Capodoglio (Physeter macrocephalus, Linneo 1758) appartiene alla famiglia dei Physeteridae.

Questo animale, una volta avvistato in lontananza, può essere riconosciuto dal soffio laterale, rivolto in avanti e che può raggiungere per pochi secondi un altezza che va dai 5 a 15 m. Se si ha la possibilità di avvicinarsi, a debita distanza per motivi di sicurezza e per la tranquillità dell’animale stesso, si può osservare la testa squadrata ed anche la sua pelle grinzosa.

Il profilo emerso dell’animale mostra il capo, parte del dorso ed anche la caratteristica gobba arrotondata o triangolare. La coda (pinna caudale) è ampia e presenta una forma triangolare con un netto taglio a “V”. Gli individui adulti misurano dagli 11 a 18 m circa, mentre i neonati da 3,5 e 4,5 m. Altri avvistamenti recenti di globicefali sono stati registrati nelle acque delle Isole Eolie, in Versilia ed anche nello stretto di Sicilia.

Grazie ad ABC Terra http://abcterra.altervista.org

Testo di Manfredi Parasporo e Paolo Balistreri

Video Filippo D’Angelo

Lascia un commento